green to blue (pink too)

maggio 24, 2010 § 10 commenti

bastano 24 gradi per fare di Londra, la città meno balneare del nord Europa, una spiaggia pubblica. A differenza di una media città italiana dove con il caldo ti sventoli, metti i pantaloni di lino e la camicia maniche corte, i londinesi ribadiscono il concetto di libertà di pensiero e di abbigliamento, infilandosi bermuda, infradito di plastica e costume da bagno al posto del reggiseno.

Come saggiamente nota il mio precedente amore, a Londra non importa quanto bene sei vestito, c’è sempre qualcuno vestito meglio di te e non importa quanto male sei vestito c’è sempre qualcuno vestito peggio di te, quindi esci e fai quello che ti pare. La libertà della grande metropoli è anche questa.

E così io facetti (facetti?) ieri con Louie. Canottiera, bikini arancione, gonnellona di muji e infradito di plastegòn nere, io. Bermuda, canotta verde e infradito hawanitas gialle lei. Acqua, libri, notebook (solo per il gusto di avere un peso sulle spalle) e fannulosità totale. E chiaccherare di multitasking, se google ci rende stupide, di sermoni anglicani, generosità e fibrillazione cerebrale, delle mie devianze, della sua golosità, approccio cognitivo o comportamentale per superare la pigrizia, quanto dovrei farmi pagare a fare la cuoca on demand, dove taglieranno i tagli, film cinesi e a sghignazzare verso il coatto a 10 metri da noi a petto nudo con il collanone d’oro.

Poi è finita che una bambina di 3 anni mi ha frantumato una caviglia con il monopattino rosa, io ho imprecato in 2 lingue contro i nonni, fatto mezz’ora di coda per un cesso bisex e sono tornata a casa con il tallone sanguinante.

Annunci

Tag:, , , ,

§ 10 risposte a green to blue (pink too)

  • Max ha detto:

    beh, dai… poteva andare peggio. Sarebbe potuto piovere.

  • Gary Coopo ha detto:

    odio l’estate..

    • elena ha detto:

      io odio la primavera.
      April is the cruellest month, breeding
      Lilacs out of the dead land, mixing
      Memory and desire, stirring
      Dull roots with spring rain.

      odio la primavera ma dicono che sia una cosa del fegato che non gli piace il rinnovamento.

  • Gary Coopo ha detto:

    ripensandoci odio anche la primavera, essendo allergico. Anche un po’ l’inverno e poi anche la domenica, il dopo pranzo, il primo di novembre, febbraio la seconda settimana di agosto e gli anni multipli di 5..la mia vita è uno slalom
    chi hai citato? non avevi detto che linkavi tutto?

    • elena ha detto:

      il primo gennaio, il dopo pranzo della domenica o il dopo pranzo in spiaggia ma anche la domenica tutta intera soprattutto dopo le 5, il giorno prima di una consegna, la fine dell’anno accademico che partono tutti, marzo. Invece amo settembre, ottobre e dicembre, fine giugno e prime tre settimane di luglio.
      T.S. Eliot, The Waste Land

  • Manuel ha detto:

    Incredibile Londra a queste temperature..per fortuna (??????????) mercoledi’ torno in Italia e mia sorella mi ha appena gentilmente informato che piovera’, cosi’ dicono le previsioni, 4 dei 6 giorni in cui staro’ in mezzo ai monti come Heidi.

    Cmq, il tuo ex dice una cosa vera…..a Londra fai il cacchio che vuoi ANCHE in fatto di abbigliamento…..questa liberta’ in Italia te la sogni. Siamo, volenti o nolenti, condizionati dagli altri, da quello che “non si deve fare, dire, indossare”.
    GOD SAVE THE QUEEN….(ehm….ovviamente Fergie, la “duchessa”, quella vera, esclusa……LOL)

    Credo di meritarmi sempre piu’ la cittadinanza almeno onoraria. Che dici????

    • elena ha detto:

      viva la ciabatta con l’unghia rotta, viva i culi di fuori, viva l’UGG ad agosto e l’infradito a febbraio, viva la camicia rosa con la cravatta viola, la cicciona con i fuseaux!
      A te, pure la camera con vista a Buckingham Palace dovrebbero darti.
      Pure io in Italia da mercoledì a lunedì ma più a sud. Speremo

  • Manuel ha detto:

    Why do I LOOOOOOOOOVE them so much????????? mistero….
    e la camera forse la preferireui DENTRO B. Palace….anche in uno scantinato, nulla di particolare.

    ah gia’ che tu voli a sud….si fara’ baldoria eh??? ; )

  • Manuel ha detto:

    p.s. viva le flip flop. Sti inglesi in flip flop son troppi bbbboni!
    e il mio date di sabato si e’ presentato cosi’……quasi svenivo dall’emotion!
    ;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo green to blue (pink too) su ecudiélle.

Meta