Trenitalia ha un piano

giugno 13, 2010 § 14 commenti

Ho una teoria su Trenitalia. Trenitalia ha un piano occulto di smantellamento della vita del paese. Anzi di smantellamento della vita delle persone. Di frantumazione del tempo di viaggio delle persone che viaggiano con i treni in italia e purtroppo viaggiano Trenitalia. Frantumazione del tempo in mille frammenti tutti pieni di rogne e frustrazioni e misteri di malfunzionamento che al confronto Lost sembra un gioco dei lego con tre pezzi.

Tra gli agenti occulti del piano di smantellamento, ci sono le macchinette automatiche per i biglietti che funzionano quando e come garba loro e ad ogni pigiata di tasto-sullo-schermo restituiscono messaggi via via più criptici e in lingue occulte soprattutto se sollecitate all’uso di cartamoneta.

Altri agenti occulti sono le panchine su cui sedersi che non ci sono, si sono rese invisibili, soprattutto a Milano centrale e no, non siamo tutti fighetti da freccia rossa tessera platino oro, non possiamo tutti entrare nell’olimpo della saletta vip in cui i ritardi si dice vitavdi.

Altri agenti del piano occulto di frantumazione della vita dei viaggiatori sono i piccioni malati di orridi cancretti alle zampe e pieni di olio rognoso putrido sulle piume che mangiano il vomito ormai secco dei tossici e dei quattordicenni ubriachi della sera prima. I piccioni c’hanno dei chip che registrano tutti i tuoi movimenti inconsulti quando corri come un’idiota tra una macchinetta e l’altra, da un piano all’altro di Milano centrale, da una frustrazione all’altra.

Agenti non occulti sono i dipendenti trenitalia che io gli ho chiesto una cosa guardandolo negli occhi e questo manco mi ha visto. Tipo Matrix.

Io non capisco perché Trenitalia esiste ma forse domani dopo aver volato Alitalia, Trenitalia mi sembrerà un paradiso di efficienza germanica. O forse no. Se non scrivo più vuol dire che sono in carcere per aver attentato alla vita di un controllore Trenalitalia.

Portate arance.

Annunci

Tag:, , ,

§ 14 risposte a Trenitalia ha un piano

  • Max ha detto:

    Resta a casa. Viaggia con ethernet.

  • Cris ha detto:

    Uso molto raramente il treno, da sempre, però non credo che chi usa i treni veloci o sceglie una tipologia più moderna e veloce debba per forza essere “fighetto”, no?
    Penso che ognuno fa quello che che vuole. Ho visto tanta gente normalissima dentro i treni veloci o nelle classi affari dei voli di varie compagnie aeree nei miei viaggi, non mi sembravano ne fighetti, ne parlavano come Bertinotti, con la “v”, solo hanno fatto una scelta tra varie opzioni.

    Mi pare normale.

    Tu che ne dici?

  • Gary Coopo ha detto:

    guarda un disastro, l’ultime volta il prosecchino in prima sull’alta velocità era vagamente marsalato, scandaloso

  • Cris ha detto:

    Giusto Gary, bisogna essere poveri e portarsi il bottiglione di vino rosso da casa.

    Cazzo che umorismo raffinato che hai.

  • elena ha detto:

    oh, non litigate nel mio blog!

    cristiano forse non dovevo usare il termine fighetti, fattostà che ieri dopo aver perso il treno perché pur essendo arrivata con 30 minuti di anticipo non c’era una macchinetta che accettasse contanti, sono passata davanti alla saletta vip e ho pensato che forse ne avrei avuto diritto. E invece no. Non ne avevo diritto. Trenitalia mi fa una scoreggia in faccia a me. Il fatto è che è Trenitalia che ti vende il pacchetto frecciarossa come quello dei pendolari roma-milano. I pendolari mira-mestre non hanno lo stesso trattamento. Pagano meno, certo ma la differenza di servizio è umiliante.

    pace amore e prosecco o vino rosso come garba a voi.

  • Cris ha detto:

    Cara Elena, é che ultimamente nei tuoi post fai sempre ste frecciatine sui “fighetti” su chi ha più soldi o chi fa semplicemente delle scelte di vita e siccome mi conosci bene sai cosa intendo.

    Non so, non mi sembri tu. E non vado oltre.

    Ma una risposta come quella di Gary fa capire bene il senso della questione.

  • vipero ha detto:

    Cris, per tua info: “Ho visto tanta gente normalissima dentro … nelle classi affari dei voli di varie compagnie aeree nei miei viaggi, non mi sembravano ne fighetti, ne parlavano come Bertinotti, con la “v”, solo hanno fatto una scelta tra varie opzioni.”
    chi viaggia dentro alla business in aereo è perchè, nel 99,87% dei casi, non paga lui il biglietto.
    Ed ha, ebbene sì, la evve moscia.

  • Cris ha detto:

    “Cris per tua info…”

    E già l’inizio….!

    Guarda, non so con chi hai a che fare tu, ma io i miei viaggi in business me li sono sempre pagati tutti con 18 ore al giorno di lavoro e un culo che non ti immagini neppure, ma Elena si visto che sa da dove vengo.

    Sono parte di quella piccolissima parte?
    Non credo.
    Come me viaggia moltissima gente che se lo paga il biglietto.

    Brava Elena, hai aperto un bel vaso di pandora.

    Il succo é: chi viaggia in prima ruba, chi invece viaggia in tradotta paga e non ha i servizi.
    ergo: il professionista ruba, l’operaio no.

    ovvero proseguendo:chi ha una bella macchina evade il fisco, chi ha la punto no.

    E quindi via con i luoghi comuni che vanno tanto di moda adesso, che non c’è altro da dire….

    Poi con calma quando sei in zona ne parliamo….

    Solo che questo blog per me “capitalista ladro che porto via le panchine ai poveracci con il bottiglione di rosso in saccoccia e i miliardi di nero nelle casette di sicurezza” non é più salutare.

    Ciao e grazie dello spazio concessomi.

  • Gary Coopo ha detto:

    mettetela come volete ma il prosecchino era davvero pessimo

  • Dantès ha detto:

    che il prosecco diventi marsalato la vedo un po’ difficile… scherzi a parte, mai stato in business class, ma ho preso un paio di frecce argento o come cazz si chiamano e lì, è vero, c’è gente di un po’ tutti i tipi. anche perché, se con gli aerei vivaddio hai l’opzione low cost, col treno t’attacchi. quanto ai disservizi, sottoscrivo praticamente ogni parola del post. la scomparsa delle panchine è quasi peggio degli schermi stile grande fratello (orwell, non canale5) con 4 spot 4 ripetuti ossessivamente che hanno praticamente sostituito i monitor con gli orari

    • elena ha detto:

      gli altoparlanti annunciano anche che alle ore xx:00 sarà celebrata la santa messa. Qualche volta trasmettono l’inno d’Italia. Ma forse sono io che ho le allucinazioni

  • Dantès ha detto:

    c’era una volta un commento, credo sia finito di nuovo nello spam. non è bello per niente!

  • ms.spoah ha detto:

    Dopo annieannieannieanni di frequentazione della (sotto)specie ferrata, ho sviluppato una teoria molto molto simile alla tua su Trenitalia, solo che devi sostituire a “smantellamento” fracassamento e a “vita” minchia (però la prima che avevo pensato era cogl…, devo essere sincera.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Trenitalia ha un piano su ecudiélle.

Meta