il 2 agosto 1980 io stavo in una camera imbottita per adolescenti scemi

agosto 2, 2010 § 39 commenti

Dai 10 ai 16 anni ho passato tutte le prime tre settimane di agosto in qualche scuola di inglese, per la maggior parte in Inghilterra ma un paio di volte anche negli Stati Uniti. Ero, sono figlia privilegiata di valori berlusconiani precoci, inglese, internet e impresa. I primi due hanno fruttato, l’ultimo con me non ha attecchito per niente, anzi.

Il 2 Agosto 1980 ero da poco arrivata a Colchester, anche se poi non era proprio Colchester ma il campus della Essex University. Essex, la regione che ancora oggi viene utilizzata nel linguaggio comune inglese come sinonimo di ottusità e pochezza di pensiero. Ci sono tornata nel 2005 in quel campus per un laboratorio di scienze sociali. Appena chiusa la porta della mia camera ho trovato il cartello con i numeri da chiamare nel caso mi fosse venuta voglia di suicidarmi. Il campus della Essex è un po’ isolato, ammettiamolo. Gioiello dell’edilizia universitaria anni 60 è oggi un incubo che neanche Arancia Meccanica ibridato con il labirinto di Shining.

Il 2 agosto 1980 io occupavo una stanza in un piano alto delle torri, un cucinino condiviso separava i due lati del corridoio e il gruppo di adolescenti che eravamo era riuscito a trasformarlo in un immondezzaio in poco meno di 48 ore. Dall’altro lato del corridoio oltre la cucina, lui. Biondo, romano, 15enne, sgamatissimo e con un visibilissimo uccello stretto nei pantaloncini. Lo volevo. Lui e tutto il resto. E mi cagavo sotto all’idea di volerlo perché sapevo che se avessi avuto abbastanza coraggio ci sarebbe potuta essere l’occasione di scopare. Per la prima volta. Sangue sulle lenzuola. La sorella del biondo romano, bionda e romana anch’essa, aveva capito tutto dal filo di bava che mi scendeva dalle labbra non appena lo vedevo e mi sponsorizzava. Tutto questo nel giro delle prime 48 ore.

Cominciava bene questa vacanza studio. L’anno prima avevo cominciato a fumare.

Quella mattina in classe, una classe mista, qualche italiano, ma non la maggioranza, il nostro insegnante ci parlò, in inglese, di campi di concentramento. Io dissi che in italiano si dice lager e lui rispose che lager in inglese era la birra. Incamerai informazioni utili. Intervallo per il pranzo, dose di colesterolo senza conseguenze sul corpo di un adolescente in calore e sguardo allupato in cerca di lui. Niente. Merda.

Ancora in classe, il nostro insegnante ci disse che a Bologna quella mattina era esplosa una bomba alla stazione. Che ho pensato? Niente, non ero equipaggiata per pensare niente, nessuno lì lo era. Inglese e impresa, poi sarebbe venuta anche internet. Forse pensai se c’ero mai stata in stazione a Bologna. Pensai sicuramente a che cavolo di paese fosse, l’Italia, che si faceva conoscere da tutti per il terrorismo e le bombe, mi sentii umiliata nel mio egocentrismo adolescenziale. Forse una vaga mappa di quello che erano quegli anni ce l’avevo dentro la testa. Sicuramente il rapimento Moro l’avevo seguito con ansia. Ustica pure. Ma adesso ero lontana, avevo interessi più urgenti, non spesi tempo a riflettere, non seppi sentire, né capire.

La sera di fronte alla cucina-immondezzaio la sorella del romano bellissimo e superdotato (o così mi sembrava) mi disse che loro erano arrivati con il primo turno e quindi sarebbero ripartiti in settimana. Reagii come un soufflé che si sgonfia. La fretta non mi piace, avrei voluto montarlo lentamente l’approccio alla mia prima potenziale scopata. Mi chiusi a riccio nel mio pudore e li vidi partire senza troppi patemi d’animo.

Dopo una decina di giorni il mio interesse ormonale si era già spostato verso un altro biondo adolescente, questa volta inglese, aiuto barista alla caffetteria del campus. Tornata a casa gli scrissi una lunga lettera d’amore che non ebbe risposta. Non fu l’unica risposta a mancare in quell’agosto 1980.

Annunci

Tag:, , ,

§ 39 risposte a il 2 agosto 1980 io stavo in una camera imbottita per adolescenti scemi

  • andreaC ha detto:

    vabbè, dai… poi sarà andata meglio…no?

  • Xam ha detto:

    Togli “h” da “anno”… prima che puoi.

  • Ruz ha detto:

    A 15 anni smontavo e rimontavo tutti i giorni (ma proprio tutti) il motorino.

    E tutti i giorni (ma tutti tutti) cambiavo i rulli al variatore, a seconda del tragitto che avevo da fare (allungo, ripresa ecc ecc)

    i tempi cambiano…

  • Vecchio Scarpone ha detto:

    Ti credevo giovane, invece sei una specie di vecchia ciabatta anche tu.

  • Gary Coopo ha detto:

    hai avuto quello che si merita chi sbava appresso a biondissimi, sgamatissimi, potenzialmente superdotatissimi romanissimi

  • andreaC ha detto:

    io, il 2 agosto 1980, avevo tre anni. probabilmente stavo col culo per terra a sbavare su un pezzo di giocattolo.
    definisco meglio.
    meglio nel senso che ci saranno stati altri biondi dotati.
    altre stragi, altri biondi.

    • elena ha detto:

      merd, un altro ragazzino.

      vecchio scarpone, dove sei?

      ricordo a tutti che questo blog ha fini goduriosi. Se siete troppo piccoli per potervi permettere di essere selezionati per la fase due, raus!

  • andreaC ha detto:

    ahahah… quindi c’è un secondo fine.

  • andreaC ha detto:

    uhm.

  • dilaudid ha detto:

    puoi fare questo post con un finale diverso?
    voglio che alla fine si scopi
    nonostante le bombe

  • donna non più adolescente ha detto:

    il 2 agosto a Bologna sono morte delle persone innocenti ma non ti vergogni? Abbi un po’ di rispetto per i morti e per le loro famiglie e non usare una tragedia per attirare maschi segaioli in calore

    • elena ha detto:

      cara chepenachefai,
      ti invito a rileggere il post iniziale e a tralasciare i commenti.
      ti invito anche a leggere altrove in questo blog e a capire qual è la mia sensibilità.
      ciao.

      • donna non berlusconizzata ha detto:

        stai tranquilla che so leggere e un visibilissimo uccello stretto nei pantaloncini e avrei voluto montarlo lentamente l’approccio alla mia prima potenziale scopata la dicono lunga sulla tua “sensibilità” attuale per i morti di bologna. Mi sa che i valori berlusconiani precoci ti sono ancora rimasti nel sangue. Ti lascio in buona compagnia sapranno “consolarti”

        • elena ha detto:

          cara sempre scandalizzata,
          forse ti piace credere che il 2 agosto 1980 tutti gli adolescenti italiani avessero la mente concentrata sulla strage di bologna. Mi dispiace così non è.
          Se ti offendono parole come uccello e scopare a me offendono di più la faccia da culo di La Russa che dice che lui non va alle manifestazioni perché “tanto lo fischiano” e l’assenza di chiarezza, a cui l’ultima riga del mio post allude.
          Ti lascio a inseguire con il muso lungo un mondo tutto corretto e pulito e benpensante. Io qui con gli amici a fare caciara, come forse la stavano facendo quei ragazzi di cui tu parli, prima che esplodesse la bomba. Forse anche loro pensavano all’amore e ai ragazzi biondi.

          • donna che scopa davvero ha detto:

            non ti preoccupare che io non ho problemi con il sesso e le “parole sconce” e lo “scandalo” sta solo nel fatto che hai usato un evento tragico per farti bella con i tuoi amichetti. Il post di oggi non l’ha scritto una ragazza adolescente ingenua o forse sì, problema tuo. Riguardo il governo fascista hai sprecato un’occasione per dire le cose come stanno e invece ora dici che c’era forse un’allusione alla fine del post.

  • Calzino ha detto:

    Uh, allora esisti.

    • elena ha detto:

      no, sono l’alterego di gary coopo.
      attenta che qui ci sono i cannibali.
      se ti manda dilaudid, torna da dove sei venuta, vengo io da te.

  • Calzino ha detto:

    l’unico posto in cui mi può mandare dil è a fanculo, tranquilla.

  • Gary Coopo ha detto:

    io fossi la CIA ti utilizzerei per fare scoppiare guerre civili in paesi su cui esercitare influenze politica; hai questo dono, anche quando non c’entri un cazzo fai esplodere la russ.. ehm la rissa :D

    • elena ha detto:

      eh ognuno fa quel che può.
      purtroppo la signorina anonima è a me notissima e per niente signorina. ogni tanto viene qui e fa l’offesa/o. ho effetto solo su pochi eletti.

  • andreaC ha detto:

    maschio segaiolo, a chi?

  • Vecchio Scarpone ha detto:

    ***vecchio scarpone, dove sei?***

    Son qui, con la suola di para. Guarda che, come avrai capito senz’altro, “donna che scopa” etc è in realtà uno che piscia in piedi.

  • Vecchio Scarpone ha detto:

    *** anche le donne pisciano in piedi. ***

    capisco, in caso di emergenza, ma con gravi inconvenienti.

  • dilaudid ha detto:

    sempre a prendersela con noi segaioli
    un po’ di bava, nulla più, mica bombe
    pensare ai blog senza pensare alle seghe è impossibile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo il 2 agosto 1980 io stavo in una camera imbottita per adolescenti scemi su ecudiélle.

Meta