mid point

settembre 21, 2010 § 6 commenti

È bastato che L. aprisse le mani per farmi sgorgare rabbia e sgomento in parole liquide e rotte che nemmeno oggi, dopo giorni, tornano ad avere una forma. È il regalo che questa stagione mi ha fatto. Come onde siete venuti e andati e un’onda solo un po’ più forte mi ha strappato gli ultimi stracci con cui a malapena mi coprivo. È lo spartito in chiave di viola dell’onda, venire e portare via.

L’ordine delle parole e il loro modo rassicurante di costruire mondi certi, fatti di civili paranoie e intellettualissime nevrosi, buone letture e buoni film, progetti di vita insieme, scopare di più e bere di meno, drogarsi di più e mangiare di meno, ieri si stava meglio e domani si starà peggio, tutta colpa di Berlusconi e di Google, se solo se, se solo se, tutte queste ansiolitiche masturbazioni mentali, sono inutili ora.

Equinozio di settembre, sono a metà strada: da un lato l’illusione che ci sia una spiegazione da darmi per potermi addormentare con un numero adeguato, né troppe, né troppo poche, di ansie e colpe. L’illusione che la narrazione che faccio degli eventi della mia vita sia popolata di personaggi dotati di volontà e logica. L’illusione che sia ingiusto ma poi in fondo accettabile speculare alla borsa dei bisogni. Che la voglia di qualcuno non sia cannibale e omicida, come invece è. Cannibale e omicida.

Dall’altro la terra incognita dove non mi sarà più possibile né necessario ravanare in questa accozzaglia di disperati conformismi, dove il desiderio da concavo si fa convesso, da pozzo da riempire diventa abito da indossare, dove posso sorridere anche se mi manca un dente.

In mezzo, un posto di merda. Dove il paravento di favole che mi racconto non regge più ma regge invece e ancora per chissà quanto, il bisogno di potermi illudere che sia giusto pretendere una risposta rassicurante. Che non c’è e che non voglio. Dove cade come castello di carte sbilenco la convinzione che quello che manca sia qualcuno con cui svegliarmi ogni mattina eppure per quel leggero toccarsi di dita ancora struggermi.

Annunci

§ 6 risposte a mid point

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo mid point su ecudiélle.

Meta