prossimità

ottobre 2, 2010 § Lascia un commento

Mosche lente, grasse, rinscemite dal freddo e dal grigio continuano a infiltrarsi nelle crepe degli stipiti di legno marcio delle finestre di alexandra house. Vivono in densi grumi neri, immagino si mangino tra loro, con indifferenza, senza identità, senza paura.
Non conosco sopravvivenza senza colpa. Il cannnibalismo mi è inevitabile.
Cadono piccoli cadaveri addormentati quando apro la finestra. Una, al massimo due volano via, sorrette dalle correnti ascensionali del riscaldamento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo prossimità su ecudiélle.

Meta