p.o. (ciao stronzi)

novembre 23, 2010 § 11 commenti

Nel sistema inglese, le autorità locali, equivalenti dei Comuni italiani, hanno margini molto stretti per fare cassa. Una sola la tassa locale su cui fare leva e tutto il resto del peso fiscale si riversa su tariffe e multe. Tariffe e multe dei parcheggi. Siccome che non c’è nemmeno l’equivalente del vigile il sistema ha inventato la categoria professionale del parking officer (p.o.) che è uno o una che va in giro a fare multe. Che vive di multe inflitte, praticamente. Più ne fa, più guadagna.

Il p.o. medio si colloca quindi a solo mezzo grado di separazione evolutiva (verso il basso) dall’alcolizzato o dal tossico o comunque dal dipendente da sostanza e data la necessità di lavorare per strada con tale genìa spesso si confonde quando non ne provenga direttamente. L’esperienza da drogato gli o le è utile a non demordere nel raggiungimento del suo obbiettivo: portare a casa la multa.

Sguardo torbido e affamato, denti marci in bocca che ormai si è paralizzata su una diagonale da orecchio sinistro a spalla destra, il p.o. si aggira lungo le strade di Londra con in mano un oggetto ibrido tra cellularone anni 80 ed etichettarice dymo. La sua preda sono automobili entrate nella dimensione spaziotemporale di “divieto di sosta” anche solo per mezzo secondo o mezzo centimetro o anche no. Se l’automobile non è nella dimensione spaziotempo di “divieto”, il p.o. la sposta oppure si allea con le divinità celtiche per modificare le condizioni spaziotemporali a suo favore. L’importante è tornare alla base con la robbba.

Spesso in età più che pensionabile, curvo e aggoffato da multistrati di pile ricoperti dal giaccone catarifrangente (utilissimo per l’automobilista multato che si vuole vendicare nelle ore notturne), il p.o. è, dopo l’agente immobiliare, la personalità più odiata in tutto il regno motorizzato di Elisabetta II. Viene reclutato tra le minoranze etniche o comunque tra quella parte di popolazione immigrata con una laurea in ingegneria cibernetica o in business management consegnata da università dell’Africa nera o di Paesi para-indiani (Blangladesh e Pakistan) il cui valore è, in tutto il continente nord occidentale, pari a quello di una cartina rizla silver lunga bagnata. Viene anche reclutato tra le minoranze mentali in particolare quelle che non si offendono e non abbandonano il posto di lavoro se vengono gambizzate nel pieno delle loro ufficiali funzioni di multante.

Io non guido, nemmeno il triciclo, è una cosa mia di paura con le macchine che si muovono. Per il p.o. ho un certo rispetto.

(ciao stronzi, mi siete mancati)

Annunci

§ 11 risposte a p.o. (ciao stronzi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo p.o. (ciao stronzi) su ecudiélle.

Meta