ciao, sono alessandra arachi e scrivo cazzate sul corriere, rigorosamente a riproduzione riservata

dicembre 30, 2010 § 4 commenti

.
È l’unico articolo che ho letto (sul Corriere cartaceo di oggi) sulla morte di Isabelle Caro, a parte la notizia ansa ripresa dal manifesto e ieri dal sito di repubblica.it ma forse oggi anche repubblica.it avrà un suo editoriale, magari appoggiato da qualche boxino come un pene che ti si appoggia sul culo in un autobus affollato.

È l’unico che ho letto ed è la solita accozzaglia di concetti pecorecci e pietisti con il fraseggio retorico da “lamiere contorte” e altri florilegi tratti paro paro dal dizionario del giornalista ignorante. “La pelle senza un briciolo – briciolo, hai capito? briciolo – di grasso”, il “click d’autore”.

Oltre alla mala scrittura, di chi va di fretta, l’editoriale della arachi è un bello spiedino di stronzate infilzate una dopo l’altra con il peperone in mezzo. Il bisogno di attirare l’attenzione su di sé, l’esibizionismo, il mondo della moda.

Se la arachi sapesse qualcosa di anoressia e non scrivesse su un giornale che non si può permettere il lusso di puntare il dito verso piaghe e colpe della sacra famiglia italiana, si renderebbe conto che fanno più danni ad un’adolescente fragile e spaventata (come siamo state più o meno tutte) due genitori ignoranti e anaffettivi, impegnati a distrarsi da vite di merda in città di merda con letture di merda e televisione di merda, che fanno più danni scuole come parcheggi pre-precariato e parchetti di bulli e veline.

Fanno più danno i giornalisti ignoranti che cento sfilate di Alexander McQueen con le modelle taglia 36.

Annunci

§ 4 risposte a ciao, sono alessandra arachi e scrivo cazzate sul corriere, rigorosamente a riproduzione riservata

  • elos ha detto:

    Da tunga razgul si trovano sempre tracce interessanti. Confermo l’intuizione, ci avevo visto bene, questo posto mi piace.
    E quoto pienamente quel che scrivi:

    “Se la arachi sapesse qualcosa di anoressia e non scrivesse su un giornale che non si può permettere il lusso di puntare il dito verso piaghe e colpe della sacra famiglia italiana, si renderebbe conto che fanno più danni ad un’adolescente fragile e spaventata (come siamo state più o meno tutte) due genitori ignoranti e anaffettivi, impegnati a distrarsi da vite di merda in città di merda con letture di merda e televisione di merda, che fanno più danni scuole come parcheggi pre-precariato e parchetti di bulli e veline”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo ciao, sono alessandra arachi e scrivo cazzate sul corriere, rigorosamente a riproduzione riservata su ecudiélle.

Meta