hai mai pensato

aprile 11, 2011 § 11 commenti

 
hai mai pensato che forse i tuoi problemi derivano dal fatto che hai questo atteggiamento perennemente lagnoso e “quando ero giovane io era tutto meglio”?
che non riesci a pensare a niente che non sia uno stereotipo?

– la laurea come l’ho presa io sì che richiedeva impegno e invece adesso.
– la laurea che non serve a niente e infatti io l’ho presa e guarda che merda mentre bill gates.
– vivo in provincia ma alla festa dell’otto marzo vado a mangiare al giapponese con le amiche.
– uomo stronzo, donna che soffre, o viceversa.
– donna che si lamenta del culo grosso o dei capelli e maschio che fa finta di ascoltarla quando torna a casa dal lavoro mentre lei che lavora a casa a qualcosa di manuale tipo ricamo o community manager, ha gli incubi la notte per quelle maledette macchie di erba che non vanno via dalla maglia bianca del figlio che essendo maschio gioca a calcio e ruzza nei prati?
– oppure donna che vuole esternare i suoi sentimenti mentre il maschio vuole guardare la partita?
– oppure donna delicata ma in realtà forte che insegna all’uomo forte a essere tenero?
– oppure donna triste ma che ironizza sulla sua sfiga mentre fa shopping e incontra sempre solo maschi dalla sensibilità di un carciofo pietrificato e le pantofole di pelle puzzolenti?

quale altra montagna di stronzate precotte vuoi ancora portarti appresso e vomitare ogni giorno senza liberartene mai?

non so, ci rifletto, ecco.
lo stereotipo che si sostituisce al pensare. al sentire.
come pus cristallizzato che si sostituisce allo scheletro.
apparentemente funziona ma in realtà no.

Annunci

§ 11 risposte a hai mai pensato

  • Luce ha detto:

    i problemi spesso sono di per sè uno stereotipo. Poi forse sbaglio.

  • Luce ha detto:

    Siamo d’accordo. Io invece di “problemi” li chiamerei opportunità creative di aggrovigliarsi nei propri nodi. Troppo lungo però.

  • Luce ha detto:

    e anche su questo siamo d’accordo, ma sono lunatica e fortemente emotiva.

  • gary coopo ha detto:

    mi sa che te l’ho già detto relativamente ai luoghi comuni: W gli stereotipi. Li ho rivalutati, dopo tutta la fatica che puoi fare a setacciare la realtà con il filtro fino fino del tuo pensiero libero e indipendente quasi sempre non ti rimane nulla che non sia lo stereotipo stesso. Certo, magari quella possibilità infinitesima e preziosissima ti potrebe sfuggire usando l’approccio tranchant del pensiero qualunquista, ma tanto con ogni probabilità quella possibilità è veramente remotissima, non ne vale la pena, troppa fatica, che siano pure gli altri a pensare per me tanto è uguale.

    • ecudiélle ha detto:

      mi disse l’amica: anticonformismo è uguale al conformismo, anche se di segno opposto.
      W lo stereotipo, ma la lamentatio cretina mi annoia, A ME, tanto più quando lascia il tempo che trova, e si fonda su una masturbazione della mente.
      vuoi autoconvincerti che la tua donna non sia altro che una fonte di inutile brusio di sottofondo in una vita noiosa? perfetto, accomodati. ma perché?
      a me quella roba lì annoia, mi appesta e mi rincoglionisce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo hai mai pensato su ecudiélle.

Meta