questa è gente che si rimbocca le maniche*

maggio 31, 2012 § Lascia un commento

 
*mica quei fanega dell’irpinia. per non parlare degli aquilani poi.

Mi scrive Bersani. Inizia con “ciao”. Poteva finire così e io restavo imbecille e felice, a pensare a come segare il manubrio della bici che se no non passo tra le macchine nel traffico.

Invece Bersani continua.
“Ciao,
Un’altra forte scossa ha colpito l’Emilia e il Nord Italia. I danni economici sono enormi, ma quando ti crolla anche il simbolo attorno a cui si è costruita la comunità, se ti arriva una nuova scossa quando in qualche modo stavi metabolizzando il colpo subìto, risollevarsi è difficilissimo. Per fortuna questa è gente che reagisce. Ma va contrastata la retorica dell’emiliano che fa da sé.
[e contrastiamola per dio!]
Si rimboccheranno le maniche, ma deve esserci un impegno forte, nazionale, e mi aspetto che il governo approvi subito un decreto che affronti il tema dei soccorsi e quello del ripristino delle attività produttive, che garantisca a tutti un primo alloggio, che dia liquidità e prospettive alle imprese, che sospenda il pagamento delle tasse e delle imposte per i territori colpiti, per le aziende e per le famiglie.
In questo senso le prime misure varate dal Governo sono un primo segnale forte. Naturalmente guarderemo nel dettaglio il provvedimento e daremo il nostro contributo sui contenuti
[nei tempi e nelle modalità consentite dall’essere noi l’unico partito in Italia, le altre sono tribù o associazioni, con uno statuto, delle regole e una democrazia interna. Produrremo un documento di 123 pagine con varie opzioni in contrasto tra loro].
In queste ore ho riferito al ministro Passera le impressioni ricavate, anche durante la mia visita sui luoghi del sisma.
P.S.Diffondi questa newsletter, inoltrala ai tuoi amici
[e ci mancherebbe che me la tengo per me].”

Ciao, elena.

Annunci

un po’ di moderazione

maggio 29, 2012 § 5 commenti

 
Sul PD ha ragione Leonardo quando dice (parlando di D’Alema, ma io estendo) che a forza di volere inglobare tutto, dai progressisti ai moderati alla fine non è più niente. Anche perché né i progressisti né i moderati esistono.

Tu lo conosci un moderato? Io no.
Quelli che D’Alema chiama moderati sono quelli che stanno lì a dire: a me di politica non me ne frega niente, la politica è merda, politici sono merda, prova a convincermi di votarti se ci riesci, dai dai.
Poi nei sondaggi dicono che votano PD, il PD si gasa, va truzzo al TG3 a dire che stavolta vince, e poi nel segreto intimo come una scorreggia della cabina elettorale il moderato vota Viva la Figa (cioè Grillo).

Questi sono i moderati. Questo è Grillo.
È il PD non l’ha capito, quando pensa ai moderati si immagina una classe media moderatamente atea quando c’è la puttanona in tv ma moderatamente cattolica quando si tratta di omosessualità, moderatamente progressista quando si tratta di guerra in iraq ma moderatamente neoliberista quando si tratta dei suoi soldini. Perché i moderati del PD hanno sempre due soldini da parte, un bot, una casetta. E votano PD.

v’ger wants to join with the creator

maggio 25, 2012 § Lascia un commento

 
Il PD secondo D’Alema deve cercare l’alleanza tra progressisti e moderati. Che è un po’ come unire tutto al tutto, il niente al niente.

Trota -lega. Qua non si può essere schifati. Lo schifo è l’abitudine. C’è solo ‘sto sarcasmo, ‘sta satira di merda ovunque. Tutte risatine. A me viene da piangere*

aprile 11, 2012 § 2 commenti

 
Se ci penso viene da piangere anche a me.
Le scope, il circolo magico. Ma che cazzo è?

Vecchi rincoglioniti e urlanti che agitano il telecomando e il bancoposta come armi di distruzione di massa.

*quella che non capisce i schersi

veneti contro lombardi, al minuto 12:13

aprile 11, 2012 § Lascia un commento

clicca qui, cazzo!

intanto, su marte

aprile 5, 2012 § Lascia un commento

blah blah blah
Ma come mai ricevo solo due o tre email di Bersani all’anno?

Porco il mondo (evasore) che c’ho sotto i piedi!

marzo 29, 2012 § Lascia un commento

Finché dura, su Il Corriere